Qualità e tradizione a portata di click
La conserva di pomodoro. Tradizione irrinunciabile

La conserva di pomodoro. Tradizione irrinunciabile

Preparare la passata di pomodoro in casa è una tradizione per quasi tutte le famiglie delle aree interne della Campania e non solo. Si tratta di un’usanza che ha la caratteristica di radunare bambini ed adulti, amici e parenti, un momento di incontro e condivisione prima ancora che di lavoro.

Nonostante il caldo tipico d’agosto, ogni anno il rito della passata di pomodoro si riproduce con la stessa identica meticolosità per realizzare ciò che senza mezzi termini possiamo definire il must della cucina italiana.

Scopri la passata ed il pomodorino salsato di produzione biologica dell’azienda agricola “Il Torchio” disponibile sul nostro portale http://www.faregusto.it/categoria-prodotto/conserve-biologico/

Ma vediamo nel dettaglio quali sono i passaggi per fare la passata di pomodoro in casa:

Di certo occorre tempo e dedizione, ma fare una buona conserva di pomodori non è affatto un’impresa impossibile, e soprattutto può dare grandissime soddisfazioni. Alla base di un buon sugo di pomodoro c’è ovviamente la materia prima, ovvero il pomodoro. Non a caso la conserva di pomodoro è tra le conserve più preparate in Italia e più utilizzate. La si prepara durante l’estate quando grazie al caldo e al sole, i pomodori maturano e diventano più succosi e più buoni. La conserva si può tenere in dispensa per circa un anno ed è perfetta per essere consumata durante l’inverno quando i pomodori scarseggiano.

1. La prima regola è scegliere i pomodori, privarli del picciolo e lavarli accuratamente;

2. sistemate in una pentola abbastanza capiente i pomodori e lasciarli cuocere a fuoco medio fino a che non saranno sfatti;

3. mentre i pomodori cuocono, occorre sterilizzare le bottiglie o i barattoli nei quali andremo a conservare la nostra passata: il procedimento è molto semplice, basta metterli ammollo in acqua bollente, lavarli accuratamente e poi lasciarli asciugare;

È il momento di ottenere il meglio dai pomodori:

4. con una tradizionale macchinetta elettrica per passata o con un passaverdure a mano eliminate semi e bucce dai pomodori ormai. La tradizione contadina vuole che l’operazione venga ripetuta anche per il primo scarto di bucce. A questo punto la passata di pomodoro è pronta;

5. adagiate su un tavolino i barattoli e lo bottiglie sterilizzate aggiungendo all’interno qualche fogliolina di basilico e riempirli con la salsa di pomodoro. Per la variante con pomodorini, il passaggio è più lungo ma molto semplice: riempire il barattolo contenente la foglia di basilico solo a metà, aggiungere una manciata di pomodorini, girare con una cucchiaio di legno la passata ed i pomodorini per evitare che si creino i vuoti e procedere al riempimento del barattolo con altra salsa;

6. a questo punto occorre chiudere molto bene i barattoli con i propri tappi avvitandoli energicamente;

7. ed ecco che arriva l’ultima fase per ottenere un’ottima conserva di pomodoro: sistemate i barattoli in una pentola piena di acqua che li ricopra e portate ad ebollizione. Fate cuocere per circa 40 minuti: questo procedimento si chiama pastorizzazione ed è fondamentale per la corretta conservazione della conserva. In seguito alla pastorizzazione si crea il sottovuoto nel barattolo. La tradizione vuole che durante l’ebollizione si usino delle patate belle grosse come indicatori dell’avvenuta pastorizzazione. Quando, infatti, la patata era completamente lessata la conserva era pronta.

8. Sistemate i barattoli nelle vostre dispense e godetevi tutta la loro bontà per tutto l’anno.

 

Lascia un commento

Non ci sono ancora commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta